Obiettivi di insegnamento e di apprendimento chiari: gli esami di certificazione musicale Trinity

Fornire a docenti e studenti di avere obiettivi di insegnamento e di apprendimento verso cui puntare: in sintesi, è questo il valore degli esami di certificazione musicale Trinity College London. Ne abbiamo parlato con Laura P. Rossi, membro del support team di musica di Trinity in Italia in questa intervista.

Come sei entrata in contatto con Trinity?
Lavoro nel mondo dell'editoria musicale internazionale da più di 30 anni e collaboro con il support team di Trinity in Italia dal 2014. In quel periodo gli esami di certificazione musicale Trinity erano una realtá molto poco nota nel nostro paese.
Fortunatamente le cose sono cambiate molto da allora, anche perché Trinity è un ente internazionale prestigioso caratterizzato da un grande rigore accademico e in grado di offrire certificazioni musicali adatte a supportare i percorsi scolastici musicali e a fornire ai centri privati di musica dei traguardi di apprendimento verso cui mirare e di conseguenza un’accresciuta credibilitá nella loro offerta didattica.

Parlaci degli esami di certificazione musicale Trinity dal punto di vista del materiale editoriale, considerata la tua esperienza nel campo.

Dal punto di vista editoriale, ho trovato un catalogo di complemento alla preparazione degli esami di grande professionalitá e soprattutto ho abbracciato da subito il fatto che ogni esame è legato ad uno spartito musicale vero e proprio, elaborato da un team altamente professionale, e che il candidato deve usare e portare in originale all'esame.

Le risposte positive in Italia non si sono fatte attendere.

Insieme al collega Emiliano Valtulini abbiamo lavorato alla creazione di un team altamente specializzato dal punto di vista musicale, il che ci ha permesso di diffondere l'offerta delle certificazioni.
La risposta è stata da subito molto gratificante per tutti. Il nostro team è un punto di forza nel supporto ai centri e ai candidati per sostenere gli esami e promuove il messaggio della necessità di un traguardo certificato, perchè gli esami aiutano i candidati a esprimersi con un percorso motivante favorendo in tal modo la continuitá didattica dell'apprendimento, un fattore indispensabile per evitare che i ragazzi si perdano durante il percorso di studio.

In questi anni hai presenziato a diverse Cerimonie ufficiali di consegna dei certificati Trinity. Puoi spiegarci di che cosa si tratta?

Le Cerimonie, che offriamo gratuitamente alle sedi di esami Trinity, rappresentano delle occasioni importanti per incontrare genitori, studenti e insegnanti. È un momento di celebrazione e soprattutto di riflessione unico, il quale consente di comprendere l'importanza di quanto fatto e raggiunto, ma soprattutto di poterlo condividere con tutti i presenti.
Credo che per i genitori sia fondamentale vedere che gli sforzi del proprio figlio sono stati certificati da un ente prestigioso come Trinity College London. Si tratta di un’importante gratificazione per gli sforzi fatti a sostegno della crescita culturale ed educativa dei figli.

Quali sono le principali prospettive future per il team di supporto in Italia?

Il futuro, per noi del music support team, è sempre un work in progress. Sicuramente un obiettivo ambizioso è portare l'educazione musicale all'altezza di tutte le discipline didattiche, e per questo la nostra collaborazione con il Comitato Nazionale per l'apprendimento pratico della musica per gli studenti sará fondamentale per incentivare l'apprendimento musicale nelle scuole, ma soprattutto per fornire un percorso stimolante e valutazioni oggettivi a docenti e studenti.
Porto sempre nel cuore la frase del Presidente dell’ex Ministro della Pubblica Istruzione, Prof. Luigi Berlinguer: "La musica educa come nessun'altra disciplina."