Studiare musica con l’aiuto di software e App

Le tecnologie della comunicazione e dell’informazione (TIC), insieme a apps e programmi sono un valido aiuto nella didattica a distanza. Oltre a consentire la continuità delle lezioni da remoto (vedi guida “La lezione di strumento a distanza”), questi software permettono di supportare lo studio autonomo e possono essere motivanti e coinvolgenti.

Bisogna considerare che, perché siano vissuti come supporto di apprendimento e non come mera distrazione, è compito dell’insegnante selezionare le applicazioni più adatte alle necessità dei singoli studenti e guidare al suo utilizzo mirato.

Le diverse Apps presentano però due punti critici:

  • non tutte girano sui diversi sistemi: dato che lo sviluppo delle app è partito inizialmente su IOS moltissime sono utilizzabili su Mac, IPhone e IPad ma solo alcune funzionano su Win o Android, per non parlare di Linux e altri.
  • la maggior parte delle Apps non ha la versione in italiano. Quindi sebbene per il loro utilizzo sia sufficiente un livello iniziale di lingua inglese, potrebbe essere necessario preparare un piccolo glossario per gli studenti. Nel caso delle scuole che hanno le lezioni dell’area musicale in modalità CLIL questo potrebbe invece diventare un punto di forza.

Come orientare lo studente all’utilizzo delle app

Considerate innanzitutto che per scaricare e utilizzare le Apps serve avere un indirizzo di posta elettronica e, a volte, acceso a una carta di credito, per cui è indispensabile avere il consenso e la collaborazione da parte dei genitori nel caso di studenti minorenni. Se gli studenti sono bambini o ragazzi molto giovani, bisognerà anche cercare di scegliere un software possibilmente scaricabile, che possa funzionare in locale (ossia che non richieda l’utilizzo costante della rete), e quindi che non esiga di rinnovare il login ad ogni accesso. Valutate inoltre il fatto che molte applicazioni gratuite hanno banner pubblicitari, in molti casi attivi (vale a dire che se cliccati vi indirizzano su altro sito o prodotto).

Una volta individuate le Apps utili al nostro lavoro, è opportuno dedicare un incontro per orientare il nostro studente all’utilizzo del software: principali funzioni, organizzazione del contenuto, ecc.

E’ necessario dare indicazioni precise su cosa, come, quando e perché lavorare con l’app, ad es.:

Quest’app ti permetterà di esercitarti sul riconoscimento dei pattern ritmici che avevamo studiato. Facciamo insieme il primo esercizio. Questa settimana utilizza tutta la prima unità, ripetila più volte se credi, cerca di esercitarti con l’app almeno tre volte per mezz’ora ogni volta”.

Ricordatevi di chiedere ai vostri studenti di darvi un feedback sulla loro esperienza: oltre a permetterci d’imparare dalle loro difficoltà, ricorderà agli studenti che il lavoro fatto sull’app è parte del loro studio e preparazione.

Le app

Trinity College offre una speciale app Play Trinity Rock&Pop e utilizza anche Tido Music, pensata per cantanti e pianisti. Troverete informazioni e una breve guida introduttiva a queste app nella pagina Supporto docenti.

Il mercato delle Apps è molto vario: da giochi molto carini ma con scarso contenuto pedagogico a sofisticatissimi software per la pratica e la registrazione. Senza alcuna pretesa di esaurire il panorama e solo come guida introduttiva per chi fino ad oggi non ha molta dimestichezza con questi mezzi, segnaliamo alcune app organizzate per ambiti di utilizzo.

Utilità

Probabilmente ai vostri studenti servirà un metronomo e, in molti casi, un accordatore. La quantità di questi strumenti è infinita, moltissimi di loro gratis. Vi segnaliamo solo Tempi (sfortunatamente solo per Ipad/Iphone) e Live BPM (Ipad/Iphone/Android) dato che si tratta di  metronomi “al contrario”, ossia che rilevano il tempo di esecuzione da microfono o mediante tapping su smartphone o tablet.

Notazione e composizione

Tra i numerosi software per la notazione, MuseScore è probabilmente l’unico che offre le prestazioni più ricercate in modo assolutamente gratuito. E’ un prodotto open source, multi-piattaforma, disponibile in tantissime lingue (ovviamente anche in italiano), con un’immensa collezione di spartiti realizzati dalla comunità di utenti e disponibili per tutti.

Teoria della musica/educazione dell’orecchio

I software per l’educazione dell’orecchio e l’apprendimento della teoria musicale sono stati tra i primi software educativi già nella decade degli anni '80. Ci limitiamo a segnalare alcuni, organizzati secondo le diverse necessità.

Per bambini

  • Mussila è un’app multi-piattaforma, senza pubblicità, con grafica e file audio di eccellente qualità.
  • Lami (solo Iphone/Ipad) sebbene pensata per bambini contiene livelli di difficoltà crescenti adatti anche a ragazzi e adulti. Ottima grafica e audio.

Per ragazzi – adulti

  • EarMaster è un software multi-piattaforma, uno dei più completi nel suo genere. Acquistabile in versione scaricabile completa o utilizzabile online mediante abbonamento.

Ch!Ear (Iphone/Ipad) e ChordProg Ear Trainer (multi-piattaforma) sono entrambi delle app per l’allenamento al riconoscimento di accordi e progressioni armoniche.

Pratica vocale-strumentale

Queste Apps permettono di suonare insieme ad altri strumenti “virtuali”, utilizzando la galleria di spartiti (alcune, come AnyTune, utilizzando le registrazioni immagazzinate sul proprio dispositivo), e potendo modificare sia il tempo sia, spesso, la tonalità. Sono particolarmente adatte per motivare la pratica, liberando dal senso d’isolamento frequentemente associato a essa. Grazie alla funzione di registrazione, lo studente può ascoltare e valutare la propria performance e condividerla con l’insegnante. Le più diffuse sono Metronaut (Ipad/Iphone), Tomplay (multi-piattaforma), PlayTunes (Ipad/Iphone), Playalong (Ipad/Iphone), AnyTune (multi-piattaforma).

Una segnalazione in più

La compagnia NoteFlight, che produce software per la notazione e la composizione, come aiuto per l’emergenza COVID19, ha messo la sua galleria di lezioni pronte a disposizioni di tutti gli insegnanti in modalità free fino al 30 giugno.

https://notes.noteflight.com/noteflight-learn-lesson-resources-database/